L’importanza delle Charity partner: il caso Banco Alimentare della Daunia

Un’esperienza davvero nuova quella vissuta dal Banco Alimentare della Daunia Francesco Vassalli.

Dal 3 al 5 maggio scorso, la onlus foggiana è stata grande protagonista dell’evento street food foggiano che richiama ogni anno centinaia di migliaia di visitatori da tutta Italia: Libando. Dal tema “Cibo e riciclo”, l’edizione di quest’anno ha creato un importante assist per il Banco Daunia.

In qualità di Charity Partner dell’evento, il Banco ha, infatti, presenziato a tutti appuntamenti in programma, cercando sempre di trasmettere i suoi valori fondanti sensibilizzando i presenti al non sprecare il cibo e soprattutto all’importanza del dono.

Il leit motiv, nonchè hashtag del Banco in quest’occasione è stato proprio “Il sapore del dono”, un modo diretto per far “gustare” quanto sia bello e gratificante donare e donarsi agli altri.

Partendo dalla partecipazione al Convegno sul tema del Cibo e del riciclo, con un importante rappresentante, Giovanni Bruno direttamente dalla Fondazione del Banco Alimentare; passando per i laboratori dei bambini, a cui sono stati donati una speciale spilletta e un prezioso decalogo da seguire quotidianamente a casa per non sprecare il cibo; il Banco ha colto l’occasione per festeggiare con la città di Foggia il trentennale della Fondazione Banco Alimentare.

Con 2 postazioni fisse, presenti nei 3 giorni in luoghi nel cuore del capoluogo foggiano, inoltre, il Banco ha avuto un contatto diretto con tutti i visitatori avviando una raccolta fondi e una Colletta Alimentare Straordinaria.

La postazione denominata BANCO POINT (in prossimità dello storico e maestoso Teatro U. Giordano), ha avviato una raccolta fondi attraverso dei gadget inediti realizzati in occasione di questo evento e strettamente legati al tema del cibo e del rispetto dell’ambiente. La borraccia ha riscosso un notevole consenso da parte di tutti per il suo forte messaggio contro l’uso della plastica, trasmettendo entusiasmo tra grandi e piccini verso questo oggetto bello e buono!

La seconda postazione, denominata “COLLETTANDO” (in rima con Libando), ha permesso la realizzazione di una piccola Colletta Alimentare Straordinaria. Presente all’inizio dell’isola pedonale ha raccolto i tanti alimenti donati dai foggiani.

Nel corso dei tre giorni i volontari “dalla maglietta arancione” hanno dunque fatto conoscere l’operato di ogni giorno del Banco della Daunia e invitato tutti a far parte di questa straordinaria famiglia.

Anche i partecipanti alle cene letterarie sono stati coinvolti sostenendo il Banco. Parte del ricavato delle due serate delle cene è, infatti, andato alla onlus per sostenere il suo operato quotidiano.

Libando ha rappresentato una., l’essere Charity partner di un evento importante dai valori in linea con la propria non profit, permette di ottenere considerevoli riscontri e creare crescita e sviluppo nella comunità.



Lascia un commento