Consumo critico con il motore di ricerca etico

La tecnologia si pone sempre più come strumento al servizio della comunità.

Il digitale propone nuove occasioni per sostenere le organizzazioni no profit.

Lilo.org è esempio lampante di come il web possa diventare pienamente etico.

Dal significato di “Generoso” in lingua hawaiana, Lilo rappresenta il primo motore di ricerca solidale italiano che finanzia progetti sociali e ambientali con il denaro derivante dalla pubblicità mostrata in ogni ricerca.

Con questo motore vengono finanziati gratuitamente progetti socialmente utili grazie alle ricerche online, distribuendo parte dei ricavi per sostenere progetti culturali, sociali ed ecologici.

L’idea di lanciare in Italia questo singolare motore di ricerca è nata da una giovane studentessa, Federica Fusco, con l’intento di riversare i profitti del web per finanziare delle associazioni italiane e ridonare potere di scelta agli utenti internet.

Ognuno di noi, con le sue ricerche quotidiane, genera, infatti, annualmente circa 30 euro per i noti motori ricerca del web, attraverso i link commerciali e le pubblicità. Da qui l’idea di far arrivare questi profitti a iniziative e progetti che ogni giorno operano per portare benefici alla società.

Lilo funziona esattamente come Google, Yahoo o Bing, ponendosi come alternativa etica. Ad ogni ricerca, guadagniamo simbolicamente una goccia d’acqua che rappresenta il denaro generato dalla pubblicità legata a quella pagina web. Sarà proprio questa goccia ad essere destinata alle buone cause, trasformandosi nel momento in cui avremo deciso quale progetto vogliamo sostenere. Ogni persona, dunque, potrà collezionare gocce d’acqua da distribuire ai progetti presenti sulla piattaforma.

Un progetto completamente etico che opera anche nel rispetto della privacy dell’utente, non trattenendo né rivendendo a terzi i dati dei suoi utenti e disattivando automaticamente il tracking pubblicitario.

Un motore di ricerca che ha finalmente restituito umanità al web.

 

Guarda il video di presentazione di Lilo



Lascia un commento