Un dono futuro: il lascito testamentario

Quello dei lasciti testamentari è un mondo ancora abbastanza sconosciuto nel nostro paese. Forse per una strana forma di scaramanzia, forse semplicemente per una mancanza di conoscenza dello strumento, ma in Italia se ne parla ancora poco.

Quello dei lasciti rappresenta uno strumento dal grande potenziale e dagli enormi benefici per la nostra società. Disporre dei propri patrimoni ed esplicitare le proprie volontà mentre siamo in vita, guardando al futuro, è espressione di consapevolezza e di concretezza di chi vuole essere protagonista non solo del presente, ma anche del futuro.

Destinare parte dei propri beni a favore di opere solidali e lasciare qualcosa a chi ne avrà realmente bisogno. Un atto nobile, un segno indelebile del nostro impegno che dona benessere e mantiene vivo negli altri il ricordo di noi.

Fondazione Cariplo sta promuovendo con le Fondazioni di Comunità una campagna di sensibilizzazione e promozione della cultura sui lasciti con la creazione di fondi patrimoniali per realizzare i progetti e volontà indicate nel testamento, garantendo trasparenza, miglior impiego e continuità nel tempo. 

Donazioni a progetti, costituzione di fondi, lasciti nel testamento, sono stati gli argomenti dell’incontro organizzato da Fondazione Monza Brianza dal titolo Il Futuro del Verbo donare: Un lascito nel testamento. Ragione e sentimento di un gesto consapevole” che ha visto partecipare notai, professionisti, organizzazioni non profit, ma anche singoli cittadini.

Tante sono, ormai, le realtà come associazioni, cooperative, parrocchie che creano aggregazione e si prendono cura di chi è più fragile all’interno delle comunità . Un importante patrimonio di relazioni e di cura reciproca, che necessitano, però, di essere sostenibili in una realtà in cui le risorse pubbliche si riducono sempre più e i bisogni, a loro volta, crescono.

Risulta fondamentale, dunque, trovare strade nuove per contribuire ad un mondo migliore anche in future, offrendo risorse per attività non profit sempre più protagoniste dei nuovi sistemi di welfare.



Lascia un commento