Hub Antispreco: il grande cuore di un quartiere

Da tempo si cerca di agire contro il gravoso problema dello spreco alimentare.

Nell’era del consumismo sfrenato, l’uomo continua a produrre una sempre maggiore quantità di rifiuti, rappresentati in gran parte da eccedenze alimentari.

Ecco perchè, sono tante le iniziative intraprese da privati e associazioni con la finalità di recuperare il cibo, destinandolo a chi, purtroppo, non ne ha.

La scorsa settimana in un quartiere di Milano è stato inaugurato un vero e proprio Hub Antispreco. Inaugurato al quartiere “Isola”, l’hub permetterà di recuperare circa 60 tonnellate di cibo all’anno, pari a circa 220 mila pasti all’anno.

Il primo hub di quartiere di Milano recupererà alimenti da associazioni del terzo settore, organizzazioni beneficiarie e organizzazioni non profit.

Creato grazie al protocollo “ZeroSprechi”, condiviso tra il Comune di Milano, Assolombarda e Politecnico di Milano, l’hub raccoglierà eccedenze alimentari provenienti da mense aziendali e ben 15 supermercati.

Il Banco Alimentare della Lombardia, vincitore del bando di assegnazione dell’Hub, intercetterà il cibo in eccedenza prima che diventi rifiuto, per destinarlo a persone e famiglie in difficoltà.

Un modo nuovo per riuscire a recuperare cibo, un modello ideale di recupero e ridistribuzione delle eccedenze alimentari che si poggia su un territorio circoscritto, rappresentato dalla rete locale di quartiere.

Tanti i benefici per l’uomo e per l’ambiente con un elevato risparmio di acqua e di Co2 per lo smaltimento.

Ma non solo, le aziende aderenti, oltre a essere parte di questo grande gesto di solidarietà, riceveranno ulteriori benefit: il bollino “ZeroSprechi” per distinguersi come aziende virtuose, la riduzione del 20% della parte variabile della Tari e la detrazione dell’Iva.

Food Policy cominciata con Expo 2015, aveva il desiderio di rendere più sostenibile il sistema alimentare della città grazie ad un approccio partecipato, ed ha ora permesso di dar vita a questo straordinario circolo virtuoso, in cui davvero tutti ne beneficiano pienamente!

Una buona prassi adottata anche in altri quartieri degli altri grandi comuni italiani.



Lascia un commento