Emporio Solidale Dora: insieme per creare valore

Emporio Solidale Dora =  esempio virtuoso di come enti pubblici, imprese e terzo settore possano mettersi insieme  e lavorare  per costruire  valore per la collettività.

L’Emporio Solidale Dora, creato da enti pubblici e associazioni di Reggio Emilia,  è gestito dal centro di servizio per il volontariato DarVoce. Ha aperto ad aprile 2017  e conta già su oltre 60 volontari. Dora è un emporio, un negozio quindi, ma è anche molto di più.

Qui i prodotti – dai cibi a lunga conservazione ai prodotti per l’igiene, dagli articoli per l’infanzia e quelli per la scuola – sono messi a disposizione gratis da aziende e cooperative (che oltre a fare del bene alla comunità usufruiscono anche di diverse agevolazioni), e tutti i commessi sono volontari (vi segnaliamo la storia di Paolo).

A Dora possono accedere circa 50 famiglie di Reggio Emilia, indicate dai servizi sociali e dalla Caritas. Sono persone che hanno perso il lavoro e rischiano di scivolare nella povertà. L’Emporio Solidale Dora  le sosterrà per un minimo di 6 e un massimo di 12 mesi.

Funziona come un minimarket speciale: qui i prodotti sono gratis e i commessi sono volontari. I clienti sono famiglie di Reggio Emilia rimaste da poco senza lavoro, che attraversano un periodo difficile e a cui dare una grossa mano.

Le famiglie in difficoltà possono rivolgersi all’ Emporio Solidale Dora per il cibo, ma anche per partecipare a corsi di formazione e orientamento al lavoro, al credito e al consumo, per cercare di uscire dalla crisi e rimettersi in piedi. Questi servizi integrativi vengono attivati di volta in volta sulla base dei bisogni degli utenti.

La sostenibilità dell’Emporio è garantita anche grazie a campagne di raccolta fondi promosse dai partner . Quindi per sostenere l’iniziativa e diventare uno dei  protagonisti un’azione di innovazione sociale clicca qui

    Guarda il video


Lascia un commento