Le donne al centro

L’intero mese di Marzo rappresenta un po’ il periodo in cui sono maggiormente accesi i riflettori sul mondo delle donne, sempre più intriso di accdimenti e storie di disagi e di cronaca.

Nel pomeriggio di sabato 16 febbraio 2019, la città di Pesaro ospiterà un importante Flash Mob dedicato al mondo femminile.

“One Billion Rising 2019”, questo il nome del flash mob internazionale contro la violenza sulle donne. Tutto il mondo sarà unito per lanciare un messaggio forte e fare una vera e proprie “rivoluzione a passi di danza”.

Quella di ONE BILLION RISING REVOLUTION 2019 è una campagna a tutto tondo contro ogni forma di violenza sulle donne.

La Fondazione Wanda Di Ferdinando opera in diversi ambiti, tra cui anche quello femminile con ben 4 progetti. Diverse le attività, diverse le collocazioni geografiche, ma con un unico obiettivo: sostenere in modo concreto la donna.

In più occasioni la Fondazione cerca di creare occasioni di incontro, dialogo e confronto di esperienze, tra queste diverse realtà:

CASA AURORA nel cuore di Pesaro, è l’alloggio sociale che ospita donne in condizioni terribili, costrette (per varie ragioni) ad abbandonare la propria casa;

DIECI DECIMI è, il progetto che combatte stereotipi e violenza di genere, coinvolgendo alcune scuole superioi delle province di Pesaro Urbino ed Ancona, attraverso incontri formativi;

SOSTEGNO ALLA RIPARTENZA DELLE RAGAZZE DI STRADA è, invece, sviluppato in Etiopia e dà l’opportunità ad alcune giovanissime di studiare e vivere in un contesto protetto al fine di evitare che cada nei giri della prostituzione;

RIPARTIRE DALLA VITA, infine, è stato sviluppato in Kenya, al fine di migliorare le condizioni di salute delle mamme sieropositive con l’intento di ostacolare la trasmissione del virus al bambino, attraverso il supporto nutrizionale, sanitario e psicologico.

Tanti i progetti e le iniziative nate per contribuire a sviluppare una vera e propria rivoluzione culturale. Perchè come affermava la scrittrice Margaret Sanger “Nessuna donna che non controlla il proprio corpo può definirsi libera”.



Lascia un commento