Contributi liberali per l’ambiente e per il sociale

Erogatore
Banca D'Italia

Bando

Contributi liberali per l’ambiente e per il sociale

.
Scadenza
31 Agosto, 2021
.
Beneficiario
Organizzazioni non profit

Descrizione

La Banca d’Italia concede contributi per iniziative d’interesse pubblico e somme a scopo di beneficenza.

I contributi finanziari riguardano:

A) la ricerca, la cultura e l’educazione in campi affini alle funzioni istituzionali (economia, moneta, credito, finanza). In particolare, la Banca fornisce sostegno a università, associazioni e fondazioni scientifiche per:

  • progetti di ricerca o eventi specifici (convegni, seminari, etc.);
  • programmi di dottorato e master universitari, borse di studio e di ricerca;

B) la ricerca scientifica, la promozione culturale, la formazione giovanile e scolastica, fra cui rilevano:

B1) ricerca scientifica e innovazione tecnologica, con particolare riguardo a:

  • progetti di istituzioni e aree scientifiche di eccellenza, eventualmente in collaborazione con università, istituti nazionali e consorzi inter-universitari di ricerca, anche tramite il finanziamento di borse di studio;
    ricerche in campo biomedico, attraverso il finanziamento per investimenti in attrezzature scientifiche e strumentazioni d’avanguardia che agevolino l’attività di ricerca;
  • trasferimento del know-how scientifico e tecnico al sistema economico-produttivo; acquisto di strumentazioni, attrezzature diagnostiche e terapeutiche presso strutture sanitarie e ospedaliere;

B2) attività di accademie e istituzioni culturali di primario rango operanti a livello nazionale nella promozione e nel sostegno della cultura umanistica, storica e scientifica, con particolare riguardo a:

  • studi e iniziative divulgative in campo storico, letterario e scientifico;
  • eventi, mostre ed esposizioni, con l’esclusione di iniziative meramente celebrative di ricorrenze;

B3) promozione a livello nazionale della qualità della formazione giovanile e scolastica, con particolare riguardo a:

  • progetti, anche a carattere audiovisivo, volti allo sviluppo di opportunità educative che incidano sulla crescita qualitativa del sistema scolastico e sulla formazione culturale e scientifica dei giovani
  • progetti di alta formazione, promossi da centri accreditati e di rilievo nazionale, volti allo sviluppo di professionalità coerenti con i fabbisogni espressi dal mercato del lavoro;

C) beneficenza, solidarietà e pubblico interesse, con particolare riguardo a:

  • progetti di primarie associazioni, enti e istituzioni finalizzati all’assistenza e al sostegno in ambito nazionale di: minori e anziani in stato di bisogno; malati e disabili; persone colpite da forme di esclusione e disagio sociale.

 

Per ricevere i contributi:

  1. le richieste devono essere accompagnate da un piano illustrativo volto a definire con precisione e attendibilità il progetto da realizzare;
  2. il Piano dovrà essere corredato di preventivi di spesa, nonché di documenti che attestino la concessione di un ulteriore contributo liberale, di importo non irrilevante (ovvero pari ad almeno il 10%) da parte di un soggetto esterno al soggetto proponente. Il finanziamento deve risultare espressamente destinato al progetto per cui si richiede il contributo della Banca d’Italia.

A tal proposito, la presenza di un finanziatore terzo non è necessaria per i progetti rientranti nei seguenti settori di intervento:

Le richieste di contributi devono riguardare un progetto specifico, non possono attenere alla complessiva attività istituzionale del richiedente né a singole attività già svolte in via ordinaria. Per poter essere prese in considerazione le istanze devono connotarsi per specifici profili innovativi. Non verranno prese in considerazione richieste che, pur riferibili formalmente a un progetto, dall’analisi del piano illustrativo e/o dei costi risultino nella sostanza finalizzate a finanziare l’attività ordinaria dell’ente; rileva a tal fine la prevalenza di voci di costo legate alla gestione ordinaria (utenze, pulizie, canone locazione, ecc.), alla remunerazione di personale strutturato o di personale legato all’ente da rapporti di collaborazione di fatto reiterati nel tempo.

L’entità del contributo non è specificata nel bando, ma in ogni caso l’erogazione a favore di un singolo progetto potrà essere al massimo pari alla metà dell’intero fabbisogno dell’iniziativa.

Contattaci ora. Ti offriamo un caffè e verifichiamo insieme questo bando

    Desidero iscrivermi alla newsletter. Per maggiori informazioni consulta la Privacy Policy
    Acconsento al trattamento dei dati inseriti nel form e dichiaro di aver letto e accettato la Privacy Policy*

    Condivi su: